Tu sei qui
Home > TERRITORIO > Eccellenze > Eccellenze del nostro territorio… La MANDORLA di TORITTO

Eccellenze del nostro territorio… La MANDORLA di TORITTO

Mandorla di Toritto

La Mandorla di Toritto, un prodotto autoctono di grande qualità. Tra le migliori in Europa, è iscritta a pieno titolo nella lista dei prodotti Agroalimentari Tradizionali Italiani del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Inoltre è un presidio Slow Food. In particolare nell’agro del comune di Toritto, si sono sviluppate storicamente alcune tipologie autoctone che hanno preso il nome di antichi e illustri cittadini Torritesi.

Le principali sono la “Antonio De Vito” originaria inizio del XIX secolo in contrada Parchitello, la “Genco” e la più celebre “Filippo Cea”. La cultivar Filippo Cea nato nel 1858, risale agli inizi del XX secolo ed ha avuto origine nel podere in contrada Matine del Torittese, di cui sopravvive la pianta “madre”. La coltivazione, viene effettuata in asciutto, con qualche irrigazione di soccorso, non predilige eccessive concimazioni e si adattata bene ai territori murgiani. È tra le più resistenti e longeve varietà locali, per cui si adatta alle alture più esposte della Murgia. Si raccoglie tra i mesi di Agosto, Settembre fino alla metà di Ottobre.

Passeggiando per Toritto è possibile ammirare per le vie cittadine con quanta cura, ogni famiglia, gestisca il proprio frutto con la raccolta e la seccatura del nocciolo eseguiti ancora come una volta. Insomma, una passione che si tramanda da secoli. Frutto di qualità,  la Mandorla di Toritto è una mandorla dal sapore intenso, il cui aroma si sposa coi profumi più intensi della Murgia.

Alta Pasticceria e Proprietà

Nell’alta pasticceria è la protagonista esclusiva, utilizzata specie per realizzare la pasta reale e importanti scenografie dolciarie. Ideale per la preparazione dei dolci tipici Pugliesi e per solleticare anche i palati più esigenti. La mandorla, infine, è utilizzata anche dai produttori di Torrone e Confetti, può essere gustata tostata o al naturale. Un prodotto povero, ma di alta qualità nutrizionale e dalle mille proprietà. Ha un alto contenuto in Olio e Acidi grassi polinsaturi, una bassissima acidità e un sapore intenso ma, allo stesso tempo, equilibrato, con note di burro finali.

Presidio di Slow Food

La Mandorla di Toritto ha conosciuto negli ultimi anni una grande affermazione nei circuiti della migliore gastronomia italiana ed internazionale: protagonista di questo successo è stato il Presidio di Slow Food «Mandorla di Toritto», attraverso il quale sono state stabilite rigorose regole di produzione e coltivazione basate sulla sostenibilità ambientale. Grazie al Presidio la Mandorla è stata inserita nell’elenco nazionale del Ministero dei prodotti tipici e tradizionali.

L’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cuneo) organizza presso la sede Slow Food di Toritto,  stage per studenti provenienti da numerose nazioni. La Mandorla di Toritto è sempre presente all’appuntamento del Salone del Gusto di Torino, vetrina dell’eccellenza Enogastronomica Italiana ed Internazionale.

Di questo prezioso frutto  viene utilizzato non solo il  seme oleaginoso e ricco di proteine e vitamine, ma anche i malli e i gusci trovano impiego per la produzione tradizionale di carbonella, e successivamente le ceneri ricche di potassio, sono un ottimo fertilizzante naturale. Le foglie invece vengono utilizzate come mangime molto apprezzato dagli Ovini. Un frutto dalle mille risorse , regina assoluta nella preparazione dei dolci, può essere  consumata anche al naturale, in ogni momento della giornata, perfetta da sgranocchiare semplicemente dopo una leggera tostatura per privarla  della buccia, ottima caramellata sotto forma di “croccante”, per poter assaporare qualcosa di buono ma anche molto “sano”.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top